Paesaggi rurali e siti religiosi, la proroga del bando scade il 30 settembre

Paesaggi rurali e siti religiosi, la proroga del bando scade il 30 settembre post thumbnail image

Sino alle ore 16:59 del prossimo 30 settembre sarà possibile beneficiare della proroga concessa dalla Direzione generale dei Beni culturali, informazione, spettacolo e sport della Regione, la quale ha riaperto i termini dell’avviso finanziato nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) tramite la Missione 1 – Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura, Componente 3- rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale, religioso e rurale.
.
L’investimento 2.2, a cui fa riferimento il bando, punta alla protezione e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale. Il finanziamento europeo, tramite il programma NextGenerationEU, è pari a 24 milioni 145mila euro. Possono presentare domanda di finanziamento persone fisiche e soggetti privati profit e non profit, compresi gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, enti del Terzo settore e altre associazioni, fondazioni, cooperative, imprese in forma individuale o societaria, che siano proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili appartenenti al patrimonio culturale rurale secondo le disposizioni stabilite nell’avviso.
.
Le domande di finanziamento potranno pervenire utilizzando esclusivamente l’applicativo informatico di Cassa Depositi e Prestiti, raggiungibile da questo link.
.
Per maggiori informazioni è possibile consultare la specifica pagina del sito della Regione Sardegna.

Ti invitiamo a seguirci e a condividere

Altri articoli...

“COSTRUIAMO LA PACE” – Comitato provinciale Cagliari “Prepariamo la pace”“COSTRUIAMO LA PACE” – Comitato provinciale Cagliari “Prepariamo la pace”

Sabato 26 febbraio 2022 – Ore 10:00 – Piazza Garibaldi – CagliariMANIFESTAZIONE CON CORTEOCOORDINAMENTO PROVINCIALE CAGLIARI “PREPARIAMO LA PACE – COMUNICATO STAMPA“Come cittadini del mondo, assistiamo con forte preoccupazione all’escalation di armamenti e militari attorno al territorio dell’Ukraina, sia da