Just Transition Fund, Legambiente plaude al piano per disinquinare il Sulcis

Just Transition Fund, Legambiente plaude al piano per disinquinare il Sulcis post thumbnail image

«Il via libera arrivato dalla Commissione europea al piano “Just Transition Fund” per l’Italia da un miliardo di euro con azioni mirate nelle aree di Taranto e del Sulcis Iglesiente, rappresenta un’ottima notizia per il nostro Paese, per l’ambiente e soprattutto per quei territori della penisola feriti da inquinamento, veleni ed emergenze croniche ancora irrisolte». Lo sostiene Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, che aggiunge: «L’Italia non perda questa importante occasione per far decollare davvero la transizione ecologica ed energetica incentrandola su innovazione, rinnovabili e tecnologie pulite, e per avviare una nuova stagione di risanamento ambientale garantendo il diritto al lavoro e alla salute in quei territori ad oggi ancora feriti e dove le bonifiche procedono a rilento. Queste aree, che vivono ancora l’era del carbone, del petrolio e dell’inquinamento, grazie alle misure previste dal Just Transition Fund per l’Italia possono diventare il simbolo del riscatto e un esempio da seguire coniugando innovazione, tecnologie pulite e rigenerazione urbana e dimostrando che sia possibile ripensare l’industria e l’economia in chiave ambientale, riconvertendo la fonte energetica fossile più inquinante, quale il carbone, con l’utilizzo dell’energia rinnovabile».
.
«Le risorse del Just Transition Fund per il Sulcis – dichiara Annalisa Colombu, presidente di Legambiente Sardegna – permettono alle comunità di questo territorio di consolidare e accelerare il percorso già avviato per una transizione ecologica giusta, per uno sviluppo sostenibile che mette al centro le persone e gli straordinari valori ambientali e culturali del Sulcis. Uno sviluppo sostenibile incentrato sull’energia da fonti rinnovabili, l’economia circolare e le bonifiche dei tanti siti inquinati, sulla valorizzazione delle bellezze ambientali e paesaggistiche, che guarda alla salute delle persone, al bene comune e al lavoro, in contrapposizione all’industrializzazione del passato che ha sovraccaricato questo territorio di veleni».

Ti invitiamo a seguirci e a condividere

Altri articoli...

INIZIATIVE DEL TERZO SETTORE DELLA SARDEGNA A SOSTEGNO DELLE POPOLAZIONI UCRAINE COLPITE DELLA GUERRA.INIZIATIVE DEL TERZO SETTORE DELLA SARDEGNA A SOSTEGNO DELLE POPOLAZIONI UCRAINE COLPITE DELLA GUERRA.

Nel sito del Centro Servizio Sardegna è stata attivata un’apposita Sezione sull’Emergenza Ucraina. La pagina vuole essere uno strumento di raccolta di tutte le iniziative di aiuto alla popolazione Ucraina attivate dagli Enti del Terzo Settore della Sardegna. Le segnalazioni