Online dall’8 dicembre la serie podcast dedicata ad Antonio Megalizzi

Online dall’8 dicembre la serie podcast dedicata ad Antonio Megalizzi post thumbnail image

In vista del memoriale di dicembre 2022 “Non fermiamo questa voce”, uscirà in anticipazione la serie podcast “Antonio Megalizzi e il sogno d’Europa” dedicata ad Antonio Megalizzi, lo studente delle radio universitarie italiane rimasto ucciso a soli 29 anni in seguito all’attentato di Strasburgo avvenuto il 14 dicembre 2018. Antonio partecipava al progetto “Europhonica” promosso dall’Associazione Raduni, per raccontare l’Europa.

Il format del podcast è organizzato in sei puntate da sette minuti ciascuna, dove si ripercorre la vita di Antonio, il suo lavoro nelle radio e per l’Unione Europea, la strage, sino ad arrivare alla nascita della Fondazione che porta il suo nome. Soprattutto, verrà raccontato il progetto Ambasciatori di cui la Fondazione Antonio Megalizzi si occupa.

Le puntate saranno pubblicate una al giorno, alle ore 13.30, dall’8 dicembre sino al 13 dicembre. Il progetto podcast di Unica Radio “Antonio Megalizzi e il sogno d’Europa” è in collaborazione con la Fondazione Megalizzi e Raduni, con il contributo della Fondazione di Sardegna, a cura di Eleonora Montis e Unica Radio con la voce di Eleonora Montis. L’obiettivo del programma è di far sì che la storia di Antonio e il suo lavoro non vengano dimenticati, di portare avanti il suo sogno e ciò che faceva come cittadino europeo e come giornalista. In questa iniziativa c’è tutto l’impegno a trasmettere e divulgare in maniera chiara e semplice la sua passione e il suo lavoro verso l’Unione Europea, nei confronti di tanti giovani e tramite la radio, il suo mezzo preferito.

Ti invitiamo a seguirci e a condividere

Altri articoli...

“Migrare: Sardegna chiama Africa”, il progetto arriva alla seconda edizione“Migrare: Sardegna chiama Africa”, il progetto arriva alla seconda edizione

L’associazione Socialmed promuove la seconda edizione del progetto MigraRe: Sardegna chiama Africa. Della durata complessiva di tre anni, il progetto intende contribuire al miglioramento del processo di integrazione tra cittadini provenienti dai Paesi del continente africano, residenti nel territorio regionale,