Spazio Arcobaleno, un luogo in cui conciliare lavoro e genitorialità

Spazio Arcobaleno, un luogo in cui conciliare lavoro e genitorialità post thumbnail image

Sassari cerca di voltare pagina dopo due anni di pandemia, restrizioni e risvolti sociali che pongono nuovi e pressanti quesiti sulle misure adottate per arginare l’espandersi del contagio. Il primo passo è la creazione di un polo che consenta di conciliare lavoro e genitorialità. All’ospedale Santissima Annunziata è stato inaugurato lo “Spazio arcobaleno”, e a breve analoghi spazi saranno aperti al pubblico al Palazzo civico e al Tribunale dei minori. Nelle altre province si registra lo status quo: soltanto l’Università di Cagliari ha pensato a uno “Spazio rosa” che venga incontro alle esigenze dei genitori con figli piccoli e neonati.
.
Quella di Sassari è la prima struttura ospedaliera isolana che propone un luogo aperto al personale medico e paramedico, ai degenti dell’ospedale e a tutto il territorio. Allo Spazio Arcobaleno, mamme e papà possono trascorrere del tempo con i loro bambini e trovare anche un valido appoggio per allattarli o anche soltanto per cambiare loro il pannolino. I nonni possono intrattenersi con i nipoti e, fatto importante di questi tempi, gli stessi pazienti in lungodegenza, se le condizioni di salute lo consentono, hanno la possibilità di incontrare congiunti che non vedono da tempo a causa delle limitazioni d’accesso (in particolare negli orari di visita concessi al pubblico).
.
L’allestimento di speciali spazi, dedicati ad accogliere bambine e bambini per favorire l’incontro genitori-figli ma anche la cultura dell’allattamento al seno materno, è incoraggiato dall’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) e dall’Unicef. Si tratta di azioni che vedono le pubbliche amministrazioni erogare un servizio alla collettività, sulla base anche delle necessità espresse e che assumono le caratteristiche di azioni positive, comportamenti collaborativi alle esigenze di allattamento, naturale e artificiale, e della relazione tra genitori e figli.
.
«Questo è un luogo dedicato all’incontro tra genitori, famiglia, figli, a misura di bambina e bambino, dove ritrovare uno spazio adeguato a quelle relazioni significative fatte di gesti quotidiani, in un ambiente protetto e riservato», spiega la presidente del Comitato unico di garanzia (Cug) dell’Università di Sassari, Marta Galiñanes Gallén.
.
«Lo Spazio Arcobaleno – sottolinea Gabriella Tucconi, presidente del Cug Aou Sassari – si apre per accogliere oltre che genitori, anche personale aziendale e universitario, studenti, così da favorire la continuità delle relazioni con i propri figli. Ma rappresenta anche un luogo in cui i degenti del nostro ospedale possono incontrare i propri cari».
.
«Questa unione di intenti – precisa il direttore sanitario dell’Aou di Sassari, Luigi Cugia – si configura come un’importante sensibilità. È l’inizio di una collaborazione che, dal punto di vista pratico, dovrà avere anche altre ricadute. Nel programma del Cug Aou è stato inserito un progetto che mira a creare un asilo aziendale all’interno della nostra azienda. Si tratta di un passo culturale importante, per la cui realizzazione sarà necessario lavorare».
.
Il prorettore dell’Università, Andrea Piana, annuncia che «questo primo Spazio Arcobaleno è soltanto un esempio di altri che l’Università intende aprire, anche con il contributo del Dipartimento di Architettura, per individuare spazi nella città da ristrutturare e aprire».
.
Infine, il presidente della struttura di raccordo della Facoltà di Medicina ospedaliero universitaria, Giovanni Sotgiu, pone l’accento su un altro aspetto non trascurabile: «Al giorno d’oggi, molte persone che vivono la loro genitorialità abbandonano il posto di lavoro per dedicarsi ai figli; mentre sono sempre meno quelli che riprendono a lavorare. Individuare soluzioni che consentono di vivere la propria genitorialità anche sul posto di lavoro, può far aumentare il senso di appartenenza nei confronti dell’azienda per la quale si lavora».
.
L’auspicio è che ora anche le altre strutture ospedaliere sarde raccolgano l’esempio del Santissima Annunziata e individuino locali adeguati per promuovere questa lodevole iniziativa.

Ti invitiamo a seguirci e a condividere

Altri articoli...

Fino al 31 maggio 2022 procedure semplificate per l’adeguamento statuti. Sempre attiva la consulenza del CSV Sardegna.Fino al 31 maggio 2022 procedure semplificate per l’adeguamento statuti. Sempre attiva la consulenza del CSV Sardegna.

Con il DL Semplificazioni, è stata ulteriormente prorogata al 31 maggio 2022 la scadenza per adeguare gli statuti di Odv, Aps e onlus, in base alle indicazioni previste dal Codice Terzo settore. Il CSV Sardegna riepiloga quali sono gli enti